Menu

+39 0175 85603

info@zanocco.net

Antincendio

HomeAntincendio
HomeAntincendio

Progettazione e installazione impianti Antincendio

I sistemi di rivelazione incendio devono assicurare la tutela di beni e persone all’interno delle aree protette, segnalando tempestivamente il verificarsi di una situazione di pericolo.

Le varie soluzioni di protezione antincendio sono:

  • Impianto di rivelazione automatica dell’incendio;
  • Impianto di spegnimento automatico ad acqua (“sprinkler”);
  • Impianto di rilevazione fumi e gas;
  • Sistemi di scarico fumi e calore;
  • Impianto fisso di estinzione (estintori, idranti, ecc.).

La valutazione del tipo di rischio d'incendio presente nei luoghi da proteggere è il punto di partenza per la scelta dell'Impianto Antincendio idoneo e ideale per la protezione delle persone, dell'attività e dei beni. È, infatti, possibile progettare varie tipologie di impianti caratterizzati da differenti dispositivi adottati, configurazione e cablaggi. Tipicamente se ne distinguono tre tipologie, di seguito elencate.

Sistema di estinzione incendio per gallerie

In collaborazione con la ditta SMI Automazione, si è sviluppato un sistema antincendio da utilizzare in due gallerie di nuova costruzione. Questo sistema è unico nel suo genere in quanto il puntamento dei monitori è completamente automatizzato, i monitori non sono altro che delle lance antincendio movimentate da tre motori elettrici comandati da un PLC centrale. Il sistema antincendio riceve quindi un segnale di posizione, discretizzato ogni 10 metri all’interno della galleria, che fornisce l’indicazione di dove devono essere puntati i monitori; a questo punto il software di controllo procede con i calcoli matematici necessari al posizionamento del monitore al fine di consentire al getto di raggiungere il punto di incendio. La ditta Zanocco si è occupata di costruire 120 quadri elettrici “slave” per la gestione dei singoli monitori e di 2 quadri elettrici “master” per ospitare i sistemi di controllo di tutto l’impianto. La ditta SMI si è occupata di sviluppare interamente il software di puntamento automatico dei monitori ed essere una delle prime aziende al mondo ad aver sviluppato un sistema di puntamento ed estinzione automatica di incendi in galleria.


Di seguito un video del primo test di estinzione di un incendio in campo aperto:


Sistema di estinzione incendio per gallerie

Sistema ADW

Il sistema ermeticamente chiuso è costituito dal tubo sensore, che viene montato nella zona da sorvegliare e che all’estremità è chiuso da un tappo ermetico.
All’altra estremità il tubo sensore è collegato alla scatola del rivelatore, più precisamente a un sensore di pressione interamente elettronico e al dispositivo di controllo pneumatico.
L’intero sistema pneumatico contiene aria normale.
Il dispositivo meccanico di controllo è composto da un motoriduttore e da una pompa.
Il sensore di pressione misura costantemente la pressione assoluta all’interno del tubo sensore.
I segnali del sensore vengono analizzati matematicamente dal microprocessore e possono perciò essere utilizzati per i calcoli e per realizzare il comportamento differenziale. Se la pressione cresce alla velocità definita dal software (mbar/s), l’ADW segnala un Allarme differenziale. I fattori di disturbo (fluttuazioni di temperatura dovuti al tempo atmosferico) vengono filtrate.
Il comportamento massimale dell’ ADW è concepito in modo che la pressione corrispondente a una temperatura massima provochi comunque un allarme, la crescita lenta e costante della pressione sull’arco di un lungo periodo, che non basta a far intervenire la funzione differenziale, viene quindi interpretata come allarme massimale.
L’ADW sarà installato in zona Sicura, mentre il tubo sensore (galvanicamente isolato) potrà transitare in ZONA ATEX21.
Si installerà una centrale (SFP) per la gestione degli allarmi degli ADW e la segnalazione in caso di allarme, anomalia o guasti.

Sistema ASD

Il Sistema ASD è costituito da uno oppure due tubi indipendenti con i relativi fori di aspirazione e da uno oppure due sensori di fumo altamente sensibili.
Mediante un apposito dispositivo i due flussi d'aria sono sorvegliati in permanenza per rivelare eventuali rotture dei tubi o intasamenti dei fori.
Un potente ventilatore aspira l'aria dal locale o dall'apparecchiatura da sorvegliare e la convoglia attraverso il tubo al processore terminale.
Qui l'aria viene analizzata in permanenza dai sensori di fumo.
Il pannello di comando e segnalazione del processore terminale indica la concentrazione di fumo nell'aria aspirata e gli altri messaggi di allarme, guasto e stato.
Un aumento della concentrazione di fumo viene rivelato con tempestività.
Si possono programmare tre presegnali e un allarme principale, da trasmettere tramite relè senza potenziale o direttamente sulla linea ad anello.
Quattro slot liberi consentono di installare ulteriori moduli di relè, interfacce o schede di memoria.
Grazie alle sue eccellenti caratteristiche di risposta il Sistema ASD è l'ideale per la sorveglianza di apparecchiature e locali.
CON UN SOLO RIVELATORE ASD535 (due sensori SSD535) SI COPRONO DUE ZONE DA 1200 mq, QUINDI UNA SUPERFICIE TOTALE DI 2400mq!!!

Sistema a centrale indirizzata

Il sistema di rilevazione d'incendio al servizio della vostra sicurezza dotato di un'intelligenza altamente sviluppata e di un'affidabilità che mette in ombra tutti i sistemi finora conosciuti. Vi offre un'innovazione straordinaria: totalmente ridondante, la sua architettura garantisce una doppia sicurezza la quale esclude in larghissima misura eventuali guasti del sistema. Tutti i componenti hardware e software sono disponibili in doppia versione e operano parallelamente in due sistemi separati e indipendenti tra loro. Qualora il sistema attivo dovesse guastarsi, il sistema secondario riprende il processo operativo senza interruzione. Ciò garantisce la massima sicurezza e la rivelazione immediata di ogni principio d'incendio, anche se il sistema fosse danneggiato dall'interruzione di più fili. In fase di progettazione, offre la massima libertà grazie alla sua struttura modulare e decentralizzata. Avete la possibilità di riunire in un sistema omogeneo integrale fino a 16 centrali autonome senza l'utilizzo di un elaboratore principale superiore. A ognuna di queste centrali interconnesse in modo ridondante potete collegare fino a 14 linee ad anello con 128 elementi ciascuna, ad es. rivelatori d'incendio o pulsanti d'allarme. Mentre la centrale svolge efficacemente il suo compito principale, ossia il riconoscimento immediato degli incendi, il sistema comunica a più livelli verso l'esterno. La comunicazione avviene tramite interfacce verso impianti di trasmissione e d'allarme, uscite relè nonché uscite e ingressi sorvegliati. I pannelli planimetrici e di comando per i pompieri sono collegati mediante un bus apparecchi esterno, il contatto con i sistemi superiori è assicurato da interfacce dati seriali. L’innovativo sistema si lascia progettare, programmare e comandare in modo semplice e intuitivo.

L’efficacia di un sistema di rivelazione incendi è strettamente correlata alla capacità di riscontrare e segnalare tempestivamente una situazione di pericolo, evitando falsi allarmi. Non si può quindi prescindere da una progettazione specifica e professionale dell’impianto di rilevazione incendi così come dell’impianto di rivelazione fumi e gas.

Dato l’importanza per la tutela della sicurezza delle persone, tali impianti sono normati a livello italiano ed europeo. È fondamentale quindi rivolgersi a dei professionisti del settore, in grado di assolvere tutti i compiti prescritti dalla normativa e dai Vigili del Fuoco.

L’ azienda ZANOCCO S.a.s è specializzata nella progettazione, installazione e manutenzione di impianti di rivelazione incendi per la protezione di pubbliche amministrazioni, scuole, strutture sanitarie, realtà industriali, commerciali e bancarie, hotel e parcheggi. È inoltre in grado di offrire supporto e consulenze per l’ottenimento dell’esame progetto dei Vigili del Fuoco per il rilascio del certificato di prevenzione incendi, per la redazione di perizie giurate sul funzionamento degli impianti e per l’elaborazione dei piani di emergenza e di evacuazione.